Call Center: Slc Cgil, Poste responsabile di 450 esuberi Gepin Contact e 250 Abramo. Poste trovi soluzione per lavoratori

Si è svolto oggi l’incontro convocato dal Mise per i 450 licenziamenti avviati dal Gruppo Gepin in merito alla perdita della commessa Poste Italiane.“L’incontro non ha consentito di individuare soluzioni, ma il vice ministro Bellanova ha dichiarato di lavorare affinchè Poste italiane e i soggetti che hanno vinto la gara possano, in applicazione delle norme sulle clausole sociali, dare continuità occupazionale al personale di Gepin dichiarato in esubero – dichiara Michele Azzola, segretario nazionale Slc Cgil. “Inoltre, in aggiunta alla situazione del Gruppo Gepin, andrà trovata analoga soluzione per i 250 lavoratori di Abramo a Lamezia Terme, acquisiti tramite il ramo d’azienda Infocontact con accordo raggiunto in sede ministeriale, che hanno perso il lavoro, aggiudicato, sempre da Poste Italiane, ad un’altra società.”

“Il sindacato, apprezzando il lavoro che sta svolgendo il ministero, ha ribadito che l’apertura delle procedure di mobilità sta determinando una esasperazione del clima poiché i lavoratori temono di trovarsi licenziati, fuori dall’azienda e senza alcuna alternativa. Pertanto il sindacato ha chiesto al ministero di adoperarsi affinchè, sin dal prossimo incontro, Poste Italiane sia presente al tavolo al fine di avviare la trattativa per salvaguardare l’occupazione dei dipendenti del Gruppo Gepin, come fatto per altri cambi di appalto – prosegue il sindacalista. Questione che si scontra con le procedure adottate da Poste nell’assegnare la gara, impostata su un importo tale da non consentire la continuità occupazionale del personale coinvolto. Sarà Poste, pertanto, a dover individuare le opportune soluzioni.”

“Il viceministro, dichiarando di comprendere le preoccupazioni dei lavoratori, ha invitato il Gruppo Gepin a sospendere la procedura di mobilità in corso, l’azienda ha dichiarato che il tema verrà posto in discussione nel CdA – conclude Azzola. Il Viceministro si è altresì impegnata a convocare un nuovo incontro per la prossima settimana.”

“L’esito di questa vertenza sarà la condizione per capire se le clausole sociali votate dal parlamento sono in grado di cambiare le regole del gioco in cui le uniche vittime sono i lavoratori.”

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzodei loro servizi. Nella nostra privacy Cookie area hai la possibilità di revocare il tuo consenso ai cookies di navigazione in ogni momento. Inoltre, sempre nella privacy cookie area sono illustrati i vari tipi di cookies in dettaglio, oltre alla nostra privacy policy per la sicurezza dei tuoi dati personali ed i tuoi diritti. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi